Afghanistan: Save the children, “preoccupati e devastati ma continueremo nostre attività”

“Siamo preoccupati e devastati per l’attentato subito ma continueremo a portare avanti le nostre attività perché i bambini afghani hanno bisogno del nostro aiuto”. Questa la dichiarazione di Filippo Ungaro, portavoce di Save the children Italia, in un video in diretta pubblicato sulla pagina Facebook. Ungaro ha confermato che l’attentato terroristico nella loro sede di Jalalabad in Afghanistan alle 6.10 ora locale ha causato “decine di ferite e morti” ma “la situazione non è assolutamente chiara”. “Stiamo cercando di capire lo stato dell’arte – ha detto – e siamo molto preoccupati per il nostro staff”. Save the children ricorda che è presente in Afghanistan dal 1976 e ha aiutato finora almeno 700.000 bambini con progetti di salute, nutrizione, educazione. “Non sappiamo i motivi di questo attacco – ha affermato il portavoce -. Siamo preoccupati e devastati ma continueremo a portare avanti le nostre attività”.

Pubblicato da Save the Children Italia su Mercoledì 24 gennaio 2018

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo