Messaggio Papa comunicazioni: mons. Viganò (SpC), “tre tasselli importanti per non cadere nella trappola delle fake news”

Conversione, maturità umana, competenza sono “tre tasselli importanti per non cadere nella trappola delle fake news”. Lo scrive mons. Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria per le Comunicazioni (SpC) della Santa Sede, in una nota per il Sir sul messaggio di Papa Francesco per la Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali 2018. “È tutta la storia dell’umanità, nel suo rapporto con Dio – prosegue -, ad essere intessuta di chiamate, cadute, richiami e benedizioni. Fino alla donazione di Cristo-Verità: atto supremo di comunicazione. È questo il riferimento ‘alto’ del messaggio, su cui si fonda l’invito finale di Papa Francesco a ‘promuovere un giornalismo di pace'”. “La verità vi farà liberi”, dunque, “non è un semplice slogan o un calmante per le nostre turbolenze interiori. Non è un concetto astratto o una proiezione mentale”. Due “potenti antidoti per contrastare il virus delle fake news” sono “l’autenticità e la relazione” mentre, aggiunge mons. Viganò citando il Papa, “la prevenzione e l’identificazione dei meccanismi della disinformazione richiedono anche un profondo e attento discernimento”: “Un’indicazione di metodo importante, un vero e proprio atto teologale – conclude -, in quanto il discernimento è attivazione di un dono dello Spirito. E, in quanto tale, pensando ai mass media, esige tre chiavi ineludibili: conversione, maturità umana e competenza”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo