Migranti: a Catania germogliano “Semi di accoglienza” grazie alla campagna “Liberi di partire, liberi di restare”

“Se vuoi far sapere che il mondo straniero non è un pericolo, devi farne esperienza in prima persona e questo è quello che facciamo ogni giorno a Catania”. Ad affermarlo è suor Rosalia Caserta, Serva della Divina Provvidenza, referente del progetto “Semi di accoglienza” a favore delle ragazze vittime della tratta, finanziato con i fondi della campagna Cei “Liberi di partire, liberi di restare”. “Lavoriamo sia per dare sicurezza, competenza, fiducia e sostegno alle ragazze così che possano integrarsi sia per eliminare la diffidenza della popolazione locale”, spiega suor Caserta sottolineando l’impatto positivo che il progetto ha sulla comunità locale. “È davvero un seme: dopo la presentazione di questa iniziativa, per mezzo del ‘tam tam’ si sono creati dei legami, delle collaborazioni, delle nuove amicizie”, commenta la religiosa per la quale tuttavia “occorre lavorare ancora molto sul fronte culturale, senza giudicare, ma aiutando a far conoscere e apprezzare persone che sono piene di valori e di creatività”. Grazie a “Semi di accoglienza”, venti ragazze frequentano corsi professionali nella sartoria e nel laboratorio di pasta fresca. “Abbiamo riscoperto – confida – la valenza positiva del lavoro manuale per creare un clima disteso, favorire il dialogo e l’ascolto, il confronto e lo sviluppo della creatività”. A Natale i prodotti dei laboratori sono stati esposti e venduti nel corso di un evento che ha rappresentato una sorta di finestra sulla città.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo