R.D.Congo: i vescovi chiedono la liberazione dei rapiti a Butembo

I vescovi della Repubblica democratica del Congo condannano “con fermezza questo atto ignobile” e chiedono “libertà immediata” per le persone rapite il 22 gennaio nella diocesi di Butembo-Beni, tra cui don Robert Masinda, parroco di Bimbo e direttore della fattoria didattica realizzata insieme alla diocesi di Noto. Si tratta del sesto prete rapito a Butembo dal 2012 è di cui  non si hanno più notizie. In un messaggio diffuso ieri e firmato dal presidente monsignor Marcel Utembi Tapa, arcivescovo di Kisangani, i vescovi del Congo fanno appello “alle autorità congolesi e alla Monusco” (la forza di pace internazionale in Congo), di “fare tutto ciò che è in loro potere per ritrovare i nostri fratelli rapiti e porre fine ai sequestri di sacerdoti e di cittadini”. Chiede inoltre di mettere in atto “azioni concrete per identificare rapidamente gli autori di questi crimini e metterli in condizione di non nuocere più”. Secondo fonti locali è  stato chiesto un riscatto di 20.000 dollari.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo