50° di Avvenire: Poretti, “oggi il rischio è di sostituire il giornalista con l’algoritmo”

“Quando siete nati, andavo casa per casa a diffondere il quotidiano dei lavoratori. Non me lo comprava nessuno, allora supplicavo mia nonna che me ne comprava due copie e poi andava a confessarsi”. È l’introduzione scherzosa con cui Giacomo Poretti è intervenuto alla presentazione del libro “Voci del verbo Avvenire” nella sede milanese del giornale, in occasione del 50° anniversario. “I miei genitori mi hanno sempre comprato libri e hanno sempre comprato un giornale”, ha raccontato il comico, che ha aggiunto: “Oggi il rischio è di sostituire il giornalista con l’algoritmo”.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia